Evoluzione prevedibile della gestione

L'elevata instabilità del contesto economico e finanziario rende difficile la formulazione di previsioni puntuali sulla performance del Gruppo e delle aree di business per l'esercizio 2009. I primi due mesi dell'anno hanno visto una drastica riduzione della raccolta pubblicitaria per la carta stampata in generale e una riduzione più contenuta per i nostri mezzi. Ha invece tenuto la raccolta per la radio e il web del Gruppo.

Nella significativa flessione del mercato diffusionale dei quotidiani a pagamento iniziata nel 2008 riteniamo di poter confermare anche per il 2009 il miglior andamento in termini relativi de il Sole 24 ORE, nonostante la decisione di eliminare le iniziative ad alto contenuto promozionale (copie scontate, abbonamenti agevolati, convenzioni, razionalizzazione della presenza nelle scuole superiori), completando così l'operazione cominciata nel 2005 che, da allora, ha contabilizzato le copie effettivamente vendute al lettore.

Nel contempo, il Gruppo porrà particolare attenzione a tutelare e aumentare la qualità dei prodotti editoriali, anche attraverso nuove iniziative, per riaffermare la specificità del proprio posizionamento rispetto ai lettori e agli investitori pubblicitari.

Rispetto alle attività editoriali e pubblicitarie, l'evoluzione dei prodotti e servizi indirizzati a professionisti e imprese, pur risentendo anch'essa delle difficili condizioni di mercato, evidenzia un rallentamento più limitato.

La prevista contrazione dei ricavi determina, pertanto, la necessità di ulteriori incisivi interventi a livello di costi di funzionamento che interessano tutte le aree di business e che comporteranno anche la revisione e razionalizzazione del portafoglio prodotti nonché delle caratteristiche degli stessi.

Nonostante l'implementazione delle azioni citate, riteniamo che l'anno 2009 evidenzierà una contrazione della redditività operativa del Gruppo. Ci attendiamo in particolare un primo trimestre difficile, che sconta anche il confronto con un pari periodo 2008 particolarmente positivo. Nei trimestri successivi dovrebbero invece concretizzarsi miglioramenti, anche in funzione del manifestarsi degli effetti degli interventi realizzati sui costi.